10 giugno 2014

Polvere d'arancia

Questo post è rimasto nascosto dietro tanti altri per tanti, troppi mesi. Ogni tanto l'aprivo, guardavo la foto, pensavo a cosa scrivere, e poi finivo per richiuderlo. Sono passati sei mesi o forse più. Ma ora è proprio il momento di scriverlo. E anche se riguarda una "ricetta-non-ricetta" non adatta al periodo estivo che sta iniziando (almeno in Europa!), non posso davvero lasciar scappar via un'altra giornata.
È davvero strano rendersi conto che, improvvisamente, qualcuno a cui eri legato, seppur da ricordi lontani ricordi di bambina, non c'é più. Tornano alla mente sapori lontani, di pranzi in quella cucina che non vedo da tempo. Tornano alla mente pomeriggi passati a leggere un'enciclopedia nuova, nuovissima, fatta di grossi volumi pesanti e quasi mai toccata da nessun altro, in quel soggiorno poco usato. Tornano alla mente passeggiate in giardino tra alberi di camelie e mille fiori differenti. I ricordi, di profumi e immagini, sono nitidi...ma quella persona non c'è più. È cosí. È la vita con i suoi cicli, e lo so bene. Ma si rimane sempre in uno strano suppergiù di pensieri, e di ricordi. Forse ancora di più quando si è lontani.
Non vuole essere un post triste, ma solo un ricordo. Magari un ricordo di bambina. Un ricordo che porta con sé i profumi di quegli alberi di arancio, in quel giardino pieno di fiori con i suoi sentieri di ciottoli. Un bel ricordo di quelle raccolte invernali di arance grandi e profumate proprio in quel giardino. Il giardino della zia. Ciao zia.
Questa è decisamente una "ricetta-non-ricetta". Piuttosto è un'idea geniale per recuperare le scorze d'arancia. Eh si, perché le arance in questione sono quelle succose da spremuta e, fatta la spremuta, normalmente le bucce d'arancia vengono buttate via. Ecco, questa è la maniera perfetta per approfittare al massimo di questi bei frutti.

L'idea arriva dall'antico blog di Alex e, come suggerisce anche lei, è davvero un "lavoraccio" ma abbondantemente ripagato! Questa "polverina magica" si conserva benissimo in un barattolo di vetro ben chiuso e può essere usata per mille&uno ricette. Il colore è fantastico e l'odore è meraviglioso. Basta un pizzico per dare un sapore intenso e speciale a tante ricette (dolci e salate). Io conservo il barattolino come un oggetto prezioso e lo uso come un vero e proprio "ingrediente magico"!
Ovviamente le arance non devono essere trattate. La cosa migliore è usare quelle del proprio giardino o, se fortunati, regalate da qualche amico.


Ingredienti
- arance non trattate q.b. (io ho usato un bel bustone di arance e ho ottenuto un barattolino scarso)

Lavare bene le arance. Con un coltello (o un pelapatate) togliere la scorza alle arance. È importante non fare troppa forza per tagliare la scorza senza la parte bianca (che è amara e deve essere eliminata con un coltellino, se rimane quantità in eccesso sulla scorza).
Distribuire le scorze su una teglia da forno e infornare a 70 °C per 5-6 ore (forno ventilato). L'alternativa, come suggerisce Alex, è sistemare le scorze sui termosifoni e lasciar essiccare. Ho provato entrambi i metodi e vi assicuro che si sprigiona un meraviglioso profumo di arance per tutta la casa. Fantastico. 
Le scorze essiccate risulteranno dure e facili da spezzare. Lasciarle raffreddare.
Se volete ottenere una polvere - come nella foto - basta macinare le scorze essiccate (con un macina caffè, di quelli usati per preparare lo zucchero a velo). Un'altra idea è lasciare le scorze intere per aromatizzare bevande oppure, altra idea, macinarle grossolanamente in un mortaio con altre spezie. In ogni caso, conservare in un barattolo di vetro chiuso e al riparo della luce.


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...