09 marzo 2015

"Farrotto" ai funghi porcini (tipo un risotto)

Valigie che arrivano e valigie che ripartono. Chiamate e riunioni familiari virtuali. La dispensa e il frigorifero che improvvisamente si riempiono di "sapori di casa" e che inevitabilmente si svuotano piano piano, un giorno dopo l'altro. Pacchetti scartati, altri comprati e rinviati. I sorrisi all'arrivo e i visi un po' commossi alla partenza, come ogni volta! E ogni volta non c'è (e non vuole esserci!) un "rimedio" a quegli occhi lucidi. Trovarsi lontano da casa è anche tutto questo. Per me è anche (e soprattutto!) la consapevolezza di quanto sia importante la famiglia, la mia famiglia, e la riscoperta forte, fortissima, di sentimenti che in altre occasioni, di tranquillità e vicinanza, sembrano quasi assopiti, addormentati.
Questo blog è rimasto in standby per un bel po' ultimamente e di scuse "buone" ce ne sarebbero da scrivere davvero tante. Sono "scuse" fatte di sorrisi, di novità, di nuove consapevolezze, di felicità. E forse, per ora, non è necessario neanche metterle nero su bianco. Ma queste settimane passate veloci sono trascorse anche un po' in cucina, con esperimenti a quattro o anche a sei o otto mani, e alla scoperta di nuovi sapori e nuove combinazioni mai provate.
Tempo al tempo. Che di cose da raccontare ce ne sono troppe. Per ora torno con una ricettina ben riuscita, dal profumo intenso e il sapore di casa. Buon lunedi!
L'idea di questa ricetta la trovate qui. Ho apportato solo piccolissimi cambi ed ho usato funghi secchi eliminando, come al solito, il pepe e sostituendo il brodo con l'acqua. Ma se i funghi sono buoni il sapore di questo farro sarà comunque spettacolare senza aggiunte varie.

Ingredienti
- 180 gr di farro secco
- 90 gr di funghi porcini secchi
- 6 cucchiai di parmigiano grattuggiato
- 3 cucchiai di olio EVO
- 1 manciata di prezzemolo (opzionale)
- 1 spicchio d'aglio
- sale

Lavare bene il farro e scolare. Separatamente, in una ciotola, mettere a mollo i funghi secchi per circa mezz'ora, coprendoli con abbondante acqua. In un tegame far bollire circa un litro di acqua, o in alternativa usare brodo vegetale.
In un tegame versare l'aglio triturato e l'olio. Far soffriggere l'aglio senza farlo bruciare. Quindi versare il farro e farlo insaporire per circa un paio di minuti, mescolando. A questo punto coprire il farro con l'acqua calda (o con il brodo) e far cuocere per circa 20 minuti mescolando ogni tanto e aggiungendo acqua calda (o brodo) se necessario. 
In alternativa, per chi non piace l'aglio, si può usare lo spicchio d'aglio intero, facendolo soffriggere e togliendolo prima di aggiungere il farro.
Trascorsi i 20 minuti aggiungere i funghi già ammorbiditi (senza buttar via l'acqua di ammollo!) e continuare la cottura del farro per almeno altri 20 minuti (o per il tempo indicato sulla confezione), mescolando. Dopo aver aggiunto i funghi, si può aggiungere, al posto dell'acqua calda (o del brodo), l'acqua di ammollo degli stessi funghi facendo ben attenzione a non versare anche i residui di terra o sabbia depositati sul fondo della ciotola. Si può aggiungere un mestolo alla volta o filtrare l'acqua con un panno (io preferisco usare il mestolo!). Naturalmente la quantità d'acqua da aggiungere è quella necessaria per la cottura del farro.
A fine cottura, quando l'acqua si sarà assorbita e il farro avrà assunto l'aspetto di un risotto, assaggiare e aggiustare di sale. Quindi spegnere il fornello, aggiungere il parmigiano, mescolare e infine cospargere con il prezzemolo (opzionale). Servire immediatamente, ben caldo.


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...